Connect with us

Salute e Benessere

Lo zucchero “nascosto”: ecco i cibi da evitare

Pubblicato

il

salute e benessere

Lo zucchero: un dolce veleno che nasconde molte insidie. Si trova infatti dove non ci aspetteremmo. Ecco alcuni consigli per riconoscere i cibi da cui stare alla larga.

Contenuto nella maggior parte dei cibi che mangiamo, lo zucchero può essere definito come un dolce veleno che nasconde molte insidie. Il problema del consumo eccessivo di zucchero non è affatto da sottovalutare. Oltre al rischio obesità e diabete, l’eccesso di zuccheri può scatenare anche altro: dalle malattie cardiovascolari ai tumori.

L’OMS raccomanda di non superare una quantità di zuccheri semplici pari al 10% del fabbisogno calorico giornaliero. Un adulto con un fabbisogno di circa 2.000 calorie, dovrebbe assumere al massimo 50 grammi (10 cucchiaini) di zucchero al giorno.

LEGGI ANCHE: GF Vip: ecco i sei nuovi concorrenti del reality

Lo zucchero “nascosto”: ecco i cibi da evitare

Il problema è che gli zuccheri aggiunti vengono inseriti nella preparazione di un alimento e si vanno a sommare a quelli naturalmente presenti nell’alimento stesso. Eccone solo alcuni esempi:

  • Snack, merendine e dolciumi vari: viene aggiunta una quantità eccessiva di zucchero per renderli più appetibili.
  • Minestroni, zuppe e sughi pronti. In questi prodotti lo zucchero è usato spesso come addensante.
  • Salumi, insaccati e affettati. Qui gli zuccheri sono aggiunti nella fase di produzione.
  • Cereali e pane in cassetta. I cereali che si presentano glassati e colorati sono spesso arricchiti di zuccheri. Anche al pane in cassetta si aggiunge lo zucchero perché aiuta a mantenere soffice il prodotto.
  • Maionese, ketchup, aceto balsamico. Lo zucchero si aggiunge per rendere più dolce, o agrodolce nel caso dell’aceto balsamico, il prodotto.
  • Bevande gassate. Sono spesso prodotte con una grande quantità di zucchero (In media una lattina da 33 cl contiene più di 24 g di zucchero (pari a 6 cucchiaini), che è il limite massimo per i bambini dai 7 ai 10 anni.

Attenzione alle barrette:
Una barretta proteica o energetica può sembrare innocua. La nostra coscienza è infatti convinta che sia adatta a chi vuole restare in forma. La maggior parte di esse contiene zuccheri semplici in grandissima quantità: danno un buon sapore e coprono alimenti in genere di scarsa qualità.
Se volete scegliere la barretta giusta regolatevi secondo questi valori:
Il contenuto di proteine deve essere intorno al 20 30 per cento. Lo zucchero contenuto in una barretta da 100 grammi deve essere al massimo di 20 g.

Come riconoscerli? L’unico modo per capire in quali cibi si nascondono gli zuccheri è imparare a leggere le etichette. Spesso può essere più complesso riconoscerli, perché spesso non compaiono come zuccheri, ma ci sono e vengono mascherati tra gli ingredienti con altri nomi. Ecco quali: sciroppo di mais, sciroppo d’agavesciroppo d’acero, saccarosio, caramello, fruttosiomaltosio o zucchero di maltodestrosio o maltodestrine.

Infine, attenzione anche alla frutta: la maggior parte è molto zuccherina. I datteri ad esempio sono composti per il 70 per cento da zuccheri. Meglio scegliere frutti a basso indice glicemico, come le ciliegie, i frutti di bosco, il pompelmo, il lime.

© 2020, Vittorio Bagnarello. All rights reserved.

Continua a leggere
Advertisement
Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salute e Benessere

Il nuovo brand ecosostenibile che fa bene ai capelli e all’ambiente

Pubblicato

il

brand ecosostenibile capelli

Arriva in Italia un nuovo brand ecosostenibile per la cura dei capelli che è in grado di curare anche l’ambiente. WeDo è il primo ad averci pensato, il primo a pensare al futuro…

Sempre più spesso nella nostra quotidianità sentiamo parlare di dieta vegana e di azioni per la sostenibilità. Si dice che le aziende del futuro dovranno essere ecosostenibili. Secondo gli esperti un’impresa definita tale è una realtà organizzata considerando il paradigma delle tre P: Planet, People e Profit, ovvero pianeta, persone e profitto.

Questi tre termini sono considerati le fondamenta per un’impresa ecosostenibile. Anche nel mondo del beauty stanno nascendo nuove realtà con questo focus oppure imprese preesistenti si stanno trasformando in questa direzione.

Questo ci fa capire che nel nostro piccolo ognuno di noi sta cercando di andare verso uno stile di vita più green, nel rispetto della natura e dell’ambiente circostante. E che dire di noi beauty addicted, che cosa possiamo fare nel nostro quotidiano per rispettare di più la natura e riconnetterci ad essa?

Come condurre uno stile di vita ecosostenibile

Ce lo spiega Michela Coppa, conduttrice televisiva e web influencer, attraverso il suo amore per la cucina sana ed uno stile di vita che rappresenta a pieno i valori dell’eco-sostenibilità, del rispetto verso se stessi e l’ambiente: “da parecchi anni ormai con la scoperta dello yoga la mia coscienza sul mondo, sulla natura e su me stessa è aumentata notevolmente.

Ho sentito come un risveglio che mi ha portato a fare nuove scelte nel mio quotidiano, optando sempre di più su prodotti realizzati con materiale riciclato e riciclabile. Utilizzando quindi meno plastica possibile, scegliendo per i miei piatti alimenti di qualità, biologici e a Km 0 anche però acquistando per il mio corpo prodotti naturali e cruelty free”.

Valori che Michela Coppa ha avuto il piacere di ritrovare in WeDo, un brand appena nato nel settore haircare. WeDo lotta per un mondo migliore e che allo stesso tempo è strumento per agire in modo più sostenibile. Possiamo dire che WeDo è la risposta alle nostre necessità, un marchio con cui possiamo fare la differenza. La sua gamma di prodotti haircare infatti è totalmente naturale, vegana, cruelty free e 100% riciclabile.

Addirittura i suoi ingredienti sono dal 93% al 97% ricavati in maniera sostenibile senza impattare la biodiversità del territorio e tutte le loro formule sono senza solfati, siliconi e coloranti artificiali. I pack sono realizzati con plastica riciclata e 100% riciclabile.

LEGGI ANCHE Bioceutica, la cosmetica di ultima generazione

brand ecosotenibile capelli WeDo

Il nuovo brand ecosostenibile che fa bene ai capelli e all’ambiente

Questi prodotti funzionano?

A questo punto vi starete chiedendo se dei prodotti così naturali possano funzionare realmente sui nostri capelli. Ebbene il team di WeDo ha sviluppato e brevettato due nuove tecnologie che sostituiscono solfati e siliconi garantendo ottime performance senza compromessi. Queste tecnologie rendono i prodotti delicati, ma allo stesso tempo in grado di penetrare nella fibra capillare nel pieno rispetto del PH della nostra cute.

E che dire della profumazione? Oltre ad essere buonissima è anche a bassissimo contenuto allergenico. pensata per migliorare il nostro umore grazie ad un mix di note agrumate, floreali e marine.

Olio di Macadamia, Murumuru, Mandorla, burro di Cupuacu, semi di Girasole e di Camelia sono solo alcuni dei preziosi ingredienti che troviamo all’interno dei prodotti WeDo.

Prodotti WeDo che ci incuriosiscono

Solid Shampoo, totalmente privo di plastica, a ridotto utilizzo di acqua, dura fino ad 80 lavaggi, ed è ideale per tutti i tipi di capelli. Grazie alla sua applicazione diretta sulla cute, deterge delicatamente, ma in profondità e si risciacqua facilmente.

Natural Oil, l’olio per capelli (ottimo anche per il corpo) composto da un mix di 5 preziosi oli al 99.4% di origine naturale, che nutre istantaneamente i capelli, lasciandoli morbidi e luminosi con effetto anti-crespo.

Spread Happiness, un mist profumato al 98,2% di origine naturale. Una fragranza fresca e delicata, che ricorda i petali che galleggiano dolcemente sull’acqua, da spruzzare su capelli e corpo per sollevare l’umore.

Il nuovo brand ecosostenibile che fa bene ai capelli e all’ambiente

Planet People Profit per Plastik Bank

Ma se vogliamo proprio dirla tutta WeDo è un vero brand eco-etico, grazie alla sua partnership con Plastik Bank, un’organizzazione No Profit che si occupa di ridurre l’inquinamento degli oceani dando valore alla plastica e permettendo alle comunità bisognose di utilizzarla come merce di scambio per premi in denaro, tasse scolastiche, assistenza sanitaria o assicurazioni. Questa partnership permette inoltre di rimuovere 8 bottiglie di plastica dall’ambiente per ogni prodotto WeDo che viene venduto.

E allora proviamoci tutti assieme! #TogetherWeDo

© 2021, Valeria Conte. All rights reserved.

Continua a leggere

Salute e Benessere

Bioceutica, la cosmetica di ultima generazione

Pubblicato

il

Bioceutica cosmetica ultima generazione

Anna Falco ci accompagna nel mondo della cosmesi di ultima generazione alla scoperta di prodotti Bioceutici in grado di agire a livello del derma per ridurre ed eliminare gli inestetismi cutanei.

A quante di voi è capitato di vedere la pubblicità di una crema che promette miracoli? Sicuramente siete state ammaliate dalla bellezza di modelle o attrici che la sponsorizzano e vi siete convinte ad acquistarla. Colme di fiducia e speranza avete immaginato di coronare il sogno di ogni donna: avere una pelle perfetta.

Facile scommettere sulla fine di questa storia, sempre la stessa, che si ripete nel tempo ancora, ancora e ancora; dopo un mese di prova i risultati sono pochi o addirittura zero e la vostra pelle non è migliorata minimamente.

E così, dopo svariati tentativi che hanno intaccato le vostre speranze fiabesche, siete giunte all’errata conclusione che le creme non funzionano e che più o meno sono tutte inutilmente uguali. FALSO!

In queste righe, con il supporto di Anna Falco, estetista professionista del settore da oltre 30 anni, capirete che avete semplicemente riposto la vostra fiducia nei prodotti sbagliati.

Il primo passo è quello di comprendere la vostra pelle, una delle basi fondamentali per scegliere la crema viso giusta è quella di capire l’origine degli inestetismi. Una volta appurata la natura della vostra pelle (secca, grassa, mista, con couperose, acneica e chi più ne ha più ne metta) potete finalmente agire su di essa.

Per trovare un prodotto che funzioni davvero e che modifichi profondamente la vostra pelle non basta però un cosmetico come quello che vi ha ammaliato grazie alla bellissima modella, ci vuole qualcosa di più.

Anna Falco rivela che la Bioceutica è la risposta alle esigenze di tutte noi donne, una fusione tra scienza e biotecnologia.

Un ponte fra medicina ed estetica, reso possibile attraverso il superamento del concetto tradizionale di cosmesi e l’apertura di una nuova frontiera: l’introduzione nel settore estetico dei Bioceutici Molecolari.

LEGGI ANCHE Italia’s Got Talent Federica Pellegrini contro Frank Matano: sfida all’ultima flessione

Bioceutica, la cosmetica di ultima generazione

I Bioceutici Molecolari sono prodotti di ultimissima generazione che racchiudono una serie di principi attivi che sono stati scelti per agire sinergicamente e in modo mirato sulle diverse problematiche della pelle. Sono realmente in grado di trattare gli inestetismi cutanei grazie ad un meccanismo di azione biochimico realmente attivo sulle cellule della pelle. Con meno tecnicismi Anna ci spiega che:

«Le creme che si acquistano solitamente vanno a lavorare sullo strato superficiale della pelle senza produrre alcun effetto concreto, mentre i Bioceutici Molecolari lavorano in profondità, a livello del derma, dove hanno origine tutti gli inestetismi, riducendoli o eliminandoli del tutto. Inoltre le componenti di questi prodotti sono altamente performanti perché assomigliano alle nostre cellule e per questo riescono a lavorare nel derma»

Addirittura esiste un prodotto Bioceutico chiamato GF Matrix di Comiderma, unica azienda che a oggi produce queste creme di ultima generazione, che Anna Falco utilizza nel suo centro estetico, in grado di aumentare il numero dei fibroblasti, ovvero le cellule del tessuto connettivale che producono il collagene.

Come ben saprete il collagene serve per mantenere il nostro corpo giovane e tonico, ma col passare degli anni diminuisce sempre di più. Ebbene GF Matrix contiene un mix di fattori di crescita e di peptidi mirati ad una specifica azione di biostimolazione e rigenerazione delle cellule.

La gamma di prodotti Comiderma non si limita a questo, ma è davvero vastissima e mira a combattere diverse tipologie di inestetismi svolgendo un ottimo lavoro.

A questo punto l’unica certezza è che i prodotti Bioceutici di Comiderma funzionano.

Ora è il momento di riflettere sul fatto che ci vuole un ultimo tentativo prima di arrendersi del tutto, perché questa volta i risultati parleranno da soli…

Bioceutica, la cosmetica di ultima generazione

© 2021, Valeria Conte. All rights reserved.

Continua a leggere

Salute e Benessere

Broccoli: tra i tanti benefici scoperte anche proprietà anti tumorali

Pubblicato

il

broccoli anti tumorali

I broccoli offrono innumerevoli benefici al nostro organismo, rafforzano le difese immunitarie, facilitano il transito intestinale e hanno persino proprietà anti tumorali

I broccoli sono un alimento che offre innumerevoli benefici al nostro organismo. Essi contengono calcio, ferro, potassio, tanta vitamina C e non solo. Tutte sostanze fondamentali per l’accrescimento, la salute della pelle e delle mucose.

Grazie alle vitamine che contengono, i broccoli sono ottimi anche per rafforzare le difese dell’organismo e prevenire raffreddore e influenza nei mesi più freddi. Inoltre, facilitano il transito intestinale, riducono il rischio di cataratta e proteggono da alcune malattie cardiovascolari.

Per quanto riguarda gli occhi, ne migliorano la salute, in quanto li aiutano ad adattarsi ai cambiamenti di luce. Ma la cosa più stupefacente è che i broccoli contrastano la formazione di sostanze cancerogene!

Le vitamine A e C hanno proprietà antiossidanti, combattono quindi la formazione di composti cancerogeni, proteggendo l’organismo dalla formazione di tumore. Come è possibile?

LEGGI ANCHE Lo zucchero “nascosto”: ecco i cibi da evitare

broccoli anti tumorali

Broccoli, scoperte le proprietà anti tumorali

Nei broccoli è contenuta una sostanza chiamata sulforafano, che provoca l’inibizione della divisione delle cellule tumorali, favorendone la loro morte. Inoltre, potenzia l’attività di alcuni geni che hanno il compito di individuare e riparare il DNA danneggiato.

In particolare, il sulforafano inibisce la divisione di cellule tumorali nel colon, nel sangue, nei polmoni e sulla cute. Ci sono molti studi che dimostrano che questa sostanza è anche in grado di uccidere le staminali del cancro al seno e di bloccare lo sviluppo di quello alla prostata.

Questo è sicuramente un motivo ulteriore per mantenere un regime alimentare sano. Secondo gli esperti, tante malattie potrebbero essere combattute tramite la prevenzione alimentare.

Broccoli, cavoli, verza e cavoletti di Bruxelles sono tutti alimenti preziosi dalle virtù curative straordinarie. Bisogna solo imparare ad integrarli nella dieta quotidiana.

© 2020, Camilla Casero. All rights reserved.

Continua a leggere

Trending

Copyright © 2020 DonnaSpettacolo